San Lorenzo, piccola Parigi in riva d’Arno

0
23

Uno scorcio quasi parigino nella Firenze salotto buono del turismo. San Lorenzo è un quartiere atipico, dove i flussi turistici la fanno da padroni ma che nonostante tutto mantiene una sua aria particolare. Diversa da quella celebrata come autentica dell’Oltrarno, ma dove attorno alla sua chiesa e alle Cappelle Medicee con le sue lunghe code si è proceduto a una riqualificazione che ha toccato in particolare zone come via Faenza e il mercato centrale, e che secondo i piani del Comune dovrebbe presto raggiungere anche via dell’Ariento e via Sant’Antonino, dove i banchi del mercato restano oggi la vera attrattiva. Senza dimenticare il vuoto di Sant’Orsola. Bar e ristori che spuntano ovunque, dal sapore ciascuno diverso dall’altro, in mezzo a botteghe che cercano di mantenere la loro tipicità nel mescolarsi di etnie diverse. Un quartiere fragile, che ha bisogno di mille attenzioni e mille occhi, ma vivace, diverso dalle consacrate strade della moda che si trovano dall’altro lato di piazza del Duomo. Un luogo dove confondersi è facile come sentire lingue diverse che si rincorrono, rumore di trolley sui marciapiedi. Un’anima da salvare.