Un boato, palazzina esplode a Bagno a Ripoli

0
482

Un boato. Una terribile esplosione, che a qualcuno è sembrata quasi una scossa di terremoto, verso le 20.30 di ieri sera ha distrutto in via di Villamagna, a Bagno a Ripoli, una palazzina su due piani e soprattutto ha duramente colpito la famiglia che la abitava. I soccorritori hanno infatti estratto vivi dalle macerie le due bimbe di 7 e 10 anni, Cristal e Gemma, assieme al padre Roberto Mantione, ricoverati in ospedale, ma la madre Valentina non ce l’ha fatta e il suo cadavere è stato ritrovato nella notte dopo le una. La causa di tutto sembra da attribuire a una fuga di gas, che avrebbe detonato provocando un’esplosione che ha mandato in pezzi l’edificio e ha provocato danni anche alle abitazioni vicine, senza per fortuna causare altre vittime. Scatta subito l’emergenza e rapidamente arrivano i soccorritori e i vigili del fuoco, che cominciano a scavare, accompagnati dagli uomini con i cani da ricerca, illuminati da una torre faro e dalle fotoelettriche. “Abbiamo sperato per ore, seguendo da vicino il lavoro incessante dei vigili del fuoco, della protezione civile e dei volontari – dice il sindaco di Bagno a Ripoli, Francesco Casini – ma purtroppo Valentina non ce l’ha fatta. Continuano a lottare il marito e le figlie, ricoverate e operate presso l’ospedale Meyer di Firenze”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.