S. Annunziata, piano di recupero

0
541

La Santissima Annunziata si prepara a rifarsi il look dopo essere finita al centro di un ampio progetto triennale di recupero e valorizzazione a carattere urbanistico, architettonico e artistico legato a un protocollo di intesa tra Ente Cassa di Risparmio di Firenze e Comune di Firenze. L’intervento, del valore complessivo di 4 milioni e 700 mila euro, comprende non solo il restauro e la nuova impiantistica di molte parti della basilica, ma anche azioni di carattere strutturale che hanno lo scopo di rendere piena fruibilità a tutta la piazza. Secondo le previsioni, la spesa che dovranno sostenere i due partner nel triennio è complessivamente di 1,7 milioni di euro per Ente Cr Firenze (che usufruisce anche dell’Art Bonus) e di circa tre milioni di euro per il Comune. L’intervento più rilevante (oltre un milione di euro) è riservato alla basilica, che necessita di importanti lavori di consolidamento e pulitura. Le indagini e gli studi compiuti in vista dell’operazione hanno rivelato la necessità di procedere con un intervento organico e coordinato anche nelle zone circostanti che sono fortemente deteriorate. Saranno così effettuati la mappatura dei sottoservizi della piazza, con l’identificazione di tutte le strutture e le canalizzazioni ad uso delle utenze e dei servizi pubblici e le loro diramazioni; il ripristino del sistema fognario le cui perdite provocano da anni allagamenti nelle strade adiacenti oltre al distacco e alla rottura dei marmi del basamento della facciata; il rifacimento del manto stradale. Anche questi sono interventi a cura del Comune su finanziamento dell’Ente Cassa. A carico del Comune invece l’ inserimento di un giunto elastico antivibrante nel tratto stradale che corre di fronte alla basilica, per isolarla dalle quotidiane e pericolose vibrazioni dovute al traffico veicolare che è pericoloso per la stabilità del complesso.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.