Claudio Fantoni, passo avanti
verso le primarie del Pd Si comincia a discutere sul dopo Renzi, in attesa che il sindaco sciolga i dubbi su un possibile mandato bis

0
687

Un passo avanti che rompe l’equilibrio, o meglio il silenzio calato nel centrosinistra fiorentino in merito all’ormai vicino ritorno alle urne per le amministrative di Palazzo Vecchio. La candidatura di Claudio Fantoni a partecipare alle primarie del Pd e della coalizione spinge, se non costringe, il partito a una riflessione che dovrà compiersi in tempi stretti sul dopo Renzi, di cui al di là dei soliti rumor sulle possibili alternative ancora non si è discusso. E cioè se le primarie si dovranno fare comunque, anche se il sindaco decidesse di proporsi per un secondo mandato, esercitando il suo diritto politico. Si potrebbe così cominciare con il prendere in mano lo statuto per esaminare cosa dicono le regole, anche se di solito sono più le opportunità a orientare le decisioni che non le norme. Un gioco di livella a cui Fantoni di fatto pone fine prima ancora di lasciarlo cominciare proprio con questo passo avanti, con quella richiesta esplicita al Pd di dare avvio alla procedura per lo svolgimento delle primarie, forte di una sottoscrizione con oltre 1500 firme a sostegno della sua candidatura. E spostando il dibattito sui contenuti. Intanto lancia un progetto per Firenze che punta su un processo di partecipazione popolare, sull’impiego delle forze vive della città, chiamate a dettare gli indirizzi su cui dovrebbe poi lavorare la nuova amministrazione. Con una priorità indifferibile: l’emergenza lavoro.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.