Commercio, consumi ancora in calo

0
590

Vedo nero. Il 2012 si è chiuso, per le imprese del commercio e del turismo, in modo peggiore rispetto a come è iniziato. E il peggioramento è principalmente da addebitare soprattutto al quarto trimestre, che ha performato in maniera decisamente negativa rispetto allo stesso periodo del precedente anno. E’ quanto risalta dall’Osservatorio economico realizzato da Confesercenti Firenze.

Le famiglie fiorentine nel 2012 hanno decisamente rivisto al ribasso la propria capacità di spesa, ma anche la propria valutazione “prospettica”; si sono modificati comportamenti e abitudini riducendo, ad esempio, anche sul settore alimentare i volumi di spesa o ponendosi di fronte alla scelta della necessità (non si compra perché conveniente, ma perché necessario).

Al 31 dicembre 2012 le imprese del campione realizzano un fatturato che, in termini percentuali, evidenzia una variazione negativa, rispetto all’anno precedente, del -6,74%. Era del -3,62 al 31 marzo e del 5,32% al 30 di settembre. Al 31 marzo 2013 prosegue il trend negativo che analizzato per macro settori vede l’alimentare al -7,21%, la moda al -4,89%, gli altri beni al 2,24% i bar/ristoranti al -3,11 e gli alloggi al -2,79.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.