Effetto crisi: tutti a piedi
Crollano le vendite di auto A Firenze nel 2012 immatricolati 33.270 esemplari contro i 77.203 del 2011

0
514

Tutti a piedi. Capita che la crisi economica possa dare una mano all’ambiente, ma forse in questo caso c’è da rammaricarsi, poiché gli italiani hanno cominciato a rinunciare a cambiare l’auto e questo ha provocato pesanti riflessi negativi sul mercato del settore. Secondo i dati delle motorizzazioni raccolti da Unrae ad agosto sono state immatricolate in Italia 52.997 nuove auto, con un calo del 6,56% rispetto alle 56.715 del 2012. Nei primi 8 mesi del 2013 le immatricolazioni si sono fermate a 893.037 unità, in flessione del 9,02% rispetto allo stesso periodo del’anno precedente. Nello stesso periodo di gennaio-agosto 2013 sono stati registrati 2.719.650 trasferimenti di proprietá di auto usate, con una variazione di +0,35% rispetto a gennaio-agosto 2012, durante il quale ne furono registrati 2.710.168.

Un calo delle vendite di auto da cui non sono certo esenti Firenze e la Toscana in generale e che va a sommarsi a quello già registrato lo scorso anno. Nel 2012 infatti in provincia di Firenze sono state immatricolate 33.270 auto contro le 77.203 del 2011 e addirittura le 81.050 del2010. Alivello regionale si è passati dalle 188.571 del 2009 alle 179.468 del 2010, le 169.374 del 2011 e le sole 105.389 del 2012. Un calo davvero pesante, che ha dirette ripercussioni sull’intero sistema produttivo, componentistica compresa, che è quella che più da vicino riguarda la nostra regione. Segni tangibili della crisi, che sta determinando una flessione nelle vendite di ogni genere proprio a causa della diminuzione del potere d’acquisto. (Maurizio Abbati)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.