Giovani cuori sui binari
E una giornata perduta Stazioni ferroviarie in tilt per la protesta. Ma la rabbia diventa subito delusione

0
934

Ho atteso quasi quattro ore alla stazione di Genova, tra banchina e ufficio informazioni. Mentre l’altoparlante continuava a snocciolare i ritardi di treni e poi le cancellazioni delle corse. Rabbia, sconcerto, frustrazione. Ma come: tutto questo solo per quelle poche decine di ragazzi che hanno deciso in un giorno d’inverno di occupare i binari? Senza che nessuno si fosse opposto? Quei ragazzi però sono qualcosa in più di un disturbo, anche se loro davvero vogliono disturbare, non le persone ma le coscienze. E se il collettivo suscita un po’ di timore, se vederli lì tutti insieme ad urlare slogan per gasarsi fa pensare a degli sconclusionati, diverso è se ci si ferma a pensare, se solo si riesce a scambiarci due parole. Hanno vent’anni, la scuola è alle spalle, l’università perlopiù un tunnel costoso che immaginano senza uscita e il lavoro solo un’ipotesi vaga, che si concretizza solo in una serie di rifiuti e di porte chiuse in faccia. Vivono dei pochi soldi racimolati dai loro genitori, ma ogni giorno che passa questa dipendenza pesa di più. E vogliono dire basta ad un paese che a loro sembra privarli del futuro, come già del presente. Scendono in piazza, in strada, sperando di coinvolgere la città, di sollevare gli animi. E invece si ritrovano lì in poche decine. Così  a guardarli bene, sotto ai cappucci di felpa, appaiono già più delusi che arrabbiati. E il fumogeno, i cori servono solo a darsi coraggio. La bilancia della ragione forse potrebbe pendere dalla loro parte. O almeno avrebbe potuto, prima che gli venisse in mente di bloccare la stazione, mettere in difficoltà  chi come loro vive una realtà già difficile. Si fa presto a scivolare nel torto.  Anche se quando se ne vanno, mentre comincia a farsi buio, si scusano in coro per il disturbo. Ma chi sono? Il movimento del 9 dicembre, quello del giorno dei forconi. Cosa vogliono? Qualcosa in più. Qualcosa di meglio, forse. Per loro, ma non solo. (Maurizio Abbati)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.