Grassina, la variante
ora è più vicina

0
934

Da non crederci: la variante di Grassina si potrebbe fare per davvero, dopo tanti anni di attesa. La giunta provinciale ha approvato il progetto esecutivo di quella che resta una delle opere più attese dal territorio, Il progetto, presentato dal Consorzio Cooperative Costruzioni, società vincitrice dell’appalto, è stato sottoposto alla procedura di validazione tramite un ente verificatore esterno e quindi è ritornato alla Provincia per l’approvazione. Le procedure sono più avanzate nel tratto del tracciato nei territori comunali di Greve in Chianti e Impruneta; nel tratto di Bagno a Ripoli sono state apportate alcune modifiche che hanno comportato una modesta ridefinizione del tracciato che è stata anche questa approvata.
Le modifiche hanno portato anche a uno sfalsamento dei tempi delle procedure di esproprio che sono state completate per Greve e Impruneta, dove le aree da cui transita la variante sono già di proprietà della Provincia. Per Bagno a Ripoli sono state ufficialmente avviate (con gli avvisi per la dichiarazione di pubblica utilità pubblicati su alcuni quotidiani), ma non sono partite in attesa dell’approvazione del progetto esecutivo che è l’unico atto idoneo a stabilire con certezza quali siano le aree effettivamente necessarie e quindi da espropriare. Così da oggi si potrà cominciare anche sul territorio di Bagno a Ripoli.
A Greve e a Impruneta, nonché su una piccola parte del territorio di Bagno a Ripoli, che rientra nel tratto Capannuccia – Le Mortinete, sono già terminate le bonifiche dagli ordigni bellici, un’operazione che successivamente agli espropri potrà essere fatta anche a Bagno a Ripoli.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.