Il Pd riscopre la tramvia
Ma niente si muove Incontro alle Murate per rilanciare i lavori. Per la linea 2 dieci anni non basteranno

0
543

Il Pd riscopre la tramvia. E prova a rimetterla in moto con un incontro alle Murate pensato per rilanciare un’infrastruttura che sembra destinata a rimanere alla sua fase uno, cioè la tratta che collega Santa Maria Novella con Scandicci, per la quale ci sono voluti dieci anni di lavori. Ecologica, idonea a sostenere la crescita smart di Firenze, fondamentale per la salute pubblica e per aumentare la qualità della vita, oltre che perfetta per una fase di crisi come quella attuale in cui in tanti preferiscono lasciare a casa l’auto per risparmiare. E allora perché la fase due del progetto rotaia resta al palo? Dipende tutto e solo dai problemi economici della ditta che doveva eseguire i lavori dopo l’appalto del project financing? Probabilmente no. Ed è per questo che il Pd, governatore regionale Rossi e presidente della Provincia Barducci in prima fila, si è dato appuntamento per chiedere un rilancio dell’opera. E in particolare la realizzazione della linea 2 di Novoli, che anche se si dovesse partire subito con i cantieri sarebbe destinata ad avere una gestazione ancora più lunga della 1, visto che – come ricordato dall’ingegner Parenti – l’assegnazione del project è datato 2005. Il problema è che a 13 anni dall’inizio dei lavori per la prima linea e di continuità politica di governo della città c’è ancora bisogno di convincersi. Chissà che non si finisca per fare un nuovo referendum. (Maurizio Abbati)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.