Toscana, là dove c’era l’erba Più cemento, meno campi Aumenta l’area urbanizzata e sono in corso opere di notevole impatto. Ma arrivano nuove leggi

0
824

Là dove c’era l’erba, ora c’è una città. Le parole della indimenticabile canzone di Adriano Celentano potrebbero applicarsi anche al caso Toscana, ma solo in una certa misura, poiché se è vero che l’urbanizzazione tende a sottrarre spazi verdi ci troviamo comunque e sempre di fronte a una regione dove l’elemento ambiente gioca un ruolo importante. Ciò non di meno in questi ultimi anni si è costruito e nei prossimi la cementificazione potrebbe proseguire, anche se la Regione ha allo studio una nuova legge urbanistica per regolamentare il consumo del suolo e un piano del paesaggio che dovrebbe razionalizzare i processi di modernizzazione e che conta ben 365 aree vincolate, che coprono circa il 20% del territorio, una per ogni giorno dell’anno insomma.

Tuttavia, dicevamo, se nel territorio toscano al 2010 erano 197.000 gli ettari di superficie urbanizzata, pari all’8,53% del territorio regionale, nel 2010 la superficie urbanizzata è aumentata di 3.272 ettari a spese della superficie agricola, che è diminuita di 3.061 ettari e rappresenta il 38,40% del territorio, quella boscata invece il 52,12%, calata nel triennio di 373 ettari. Il governo del territorio è dunque importante per indirizzare lo sviluppo, aprendo a ciò che appare strategico sotto il profilo infrastrutturale e industriale ma garantendo equilibrio. Quello che in questo senso ha destato non poche perplessità è il varo di una serie di interventi destinati sicuramente a “consumare” in qualche modo altro territorio. Nei prossimi anni è infatti previsto l’avvio o la realizzazione di opere di notevole impatto, tra cui il nodo per l’alta velocità di Firenze, il completamento del discusso Corridoio tirrenico e della E78 Grosseto-Fano, la nuova pista dell’aeroporto Vespucci di Firenze. Tutte opere contenute nel Prim, ovvero il Piano regionale integrato delle infrastrutture e della mobilità adottato dalla giunta Rossi. Lo stesso governatore che ha annunciato la creazione di un fondo di due milioni di euro da mettere a disposizione dei Comuni per l’abbattimento dei cosiddetti “ecomostri”. “Il problema della Toscana, più che gli ecomostri, è la trasformazione  del nostro paesaggio, non sempre attenta come invece dovrebbe essere – ha sottolineato da parte sua l’assessore all’ambiente Marson -. Non c’è la necessaria attenzione alla trasformazione del nostro territorio, abbiamo costruito aree industriali lungo i fiumi, nuove urbanizzazioni vicino a mura medioevali, piattaforme ricettive lungo la costa. C’è certamente un problema di regole, ma c’è anche una questione culturale di attenzione e sensibilità che la pratica dei condoni ha disincentivato”. (Maur

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.