L’inciviltà e la civiltà delle copie

0
480

Una volta è un dito di Pio Fedi, un’altra un braccio dell’Ammannati. E’ il peso del turismo, si potrebbe dire, e non solo di quello di massa, perché già nel lontano passato le opere d’arte erano preda di saccheggi e furti. La tutela dei nostri capolavori è ormai da tempo oggetto di dibattito, che però non si concretizza quasi mai in una vera e propria azione coordinata, ma resta perlopiù frequentazione legata al momento in cui la cronaca registra un nuovo atto vandalico. La pressione turistica su una città come Firenze è tale che il rischio del danneggiamento è quotidiano, vandalismi o meno, per cui risulta fondamentale trovare delle contromisure efficaci. Dobbiamo però chiederci quale debba essere il prezzo di questa azione di tutela. Una grata che imprigioni il Biancone e la Loggia dei Lanzi? O ancora un semplice gioco di sostituzione che porti al chiuso di un museo i capolavori, rimpiazzati sul posto da dozzinali copie esposte agli scatti dei turisti come se si trattasse degli originali? La fruizione è l’anima dell’arte. Anzi, si potrebbe dire che non esiste arte senza fruizione. E se questa è libera meglio. Tanto meglio. Una civiltà di copie non è la soluzione all’inciviltà, sono altre le risposte da dare. Ben venga il presidio dei luoghi più a rischio, ben vengano gli accessi controllati, così come è necessario il coinvolgimento di guide e operatori turistici in un’opera di sensibilizzazione senza la quale tutto diventa inutile. Ma non si può congelare l’arte, così come la vita, per scongiurarne il declino. (Ma.Ab.)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.