Nuovi sottosegretari con la valigia, la pattuglia fiorentina Erasmo D’Angelis lascia Publiacqua. Un ritorno a Roma per Pistelli e Toccafondi”

0
513

Due sottosegretari, un viceministro. C’è posto anche per Firenze nella allargata – forse troppo vista la contingenza che inviterebbe ad essere parsimoniosi – squadra del nuovo governo di Enrico Letta. Perché se è vero che ai parlamentari che hanno ricevuto l’incarico non saranno concessi bonus extra, molti dei nominati non siedono né tra gli onorevoli né tra i senatori.

Due sottosegretari dunque, Erasmo D’Angelis a Infrastrutture e Trasporti, e Gabriele Toccafondi a Istruzione Università e Ricerca. Più Lapo Pistelli, chiamato a fare il viceministro agli Affari Esteri. Il primo, e forse il nome più inatteso, dovrà lasciare il suo incarico di presidente di Publiacqua per affrontare un compito importante. “Darò il massimo”, si limita a commentare. Per Pistelli invece si tratta solo di un ritorno a Roma, visto che il responsabile affari esteri del Pd ha già rappresentato il suo partito alla Camera per due legislature prima di approdare al Parlamento Europeo e prima di affrontare Matteo Renzi alle primarie per la candidatura a sindaco di Firenze, concluse con l’esito che sappiamo.

Infine Toccafondi, che ormai forse aveva già visto infrangersi il sogno di bissare la sua esperienza in parlamento e invece si è visto schiudere nuovamente le porte, anzi il portone principale. “Era il 26 febbraio e da poche ore – scrive lui stesso su Facebbok – avevo scoperto che per poco, pochissimo, e per una concatenazione di eventi, non ero rientrato alla Camera. Ieri sera molto tardi un amico mi ha letto il comunicato stampa in diretta e mi informava che ero sottosegretario all’Istruzione. Sono indubbiamente due momenti opposti ma credetemi hanno avuto in comune una ri-scoperta del perché uno fa politica. In fondo si riparte, anche se alla fine nessuno si era mai fermato”. (Maurizio Abbati)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.