Un nuovo umanesimo per rilanciare Firenze La fiorentinità non dipende dal colore dei volti. Gli auguri di Natale del cardinale Betori

0
552

Sviluppo di un rinnovato umanesimo, ampliamento dei diritti, condivisione. Sono i cardini attorno a cui è ruotato il discorso del cardinale Giuseppe Betori in occasione degli auguri di Natale alla stampa fiorentina. Betori ha affrontato il tema della crisi economica, usando come parafrasi la vista del Battistero celata dai cantieri, che sembrano stare lì a porre un limite, a precludere, ma se si guarda bene dietro ci si accorge che c’è un contenuto di valore, che addirittura le impalcature hanno lo scopo di potenziare. Valori e potenzialità che restano inalterati anche nella nostra società, che non si sta spegnendo, nonostante tutti i problemi manifesti. Insomma, i segni di vitalità non mancano e vanno saputi interpretare. E’ vero che ci sono tante persone che vivono in una situazione di sofferenza, ma non per questo bisogna rinunciare alla speranza. Il cardinale ha compiuto anche una riflessione sull’immigrazione, sottolineando come la città è cambiata, ma si tratta di un cambiamento che va accettato senza paura di perdere la nostra fiorentinità, che non dipende dal colore dei volti o dalle lingue che si sentono parlare. Bisogna riuscire a compiere un processo di integrazione e dare un’identità fiorentina a chi sta con noi. Non si possono chiudere le porte. Certo l’importante è avere un messaggio da dare agli altri, un nostro umanesimo. Se esiste questa forza non ci sono problemi.  D’altra parte, ha ricordato Betori, i primi cristiani a Firenze furono dei mercanti siriani arrivati in città. Quindi i fiorentini non si sono autogenerati. Infine una riflessione sulla questione del presepe a scuola. Il cardinale ha chiaramente detto come un’istituzione formativa che rinuncia ai fatti, rinuncia a se stessa. E quelli narrati dall’episodio che si ricorda con il presepe sono fatti che appartengono alla nostra storia. Non si tratta di escludere nessuno. Il problema, ha ricordato Betori, è culturale e non religioso.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.