Rifiuti, porta a porta al Bargino

0
392

Il servizio di porta a porta si estende nella frazione di Bargino. La novità è stata comunicata nel corso dell’incontro pubblico che si è tenuto nei locali del Circolo della frazione in occasione dell’iniziativa “I Lunedì della Giunta”, promossa dal Comune. Il sindaco Massimiliano Pescini e l’assessore all’Ambiente, insieme ai tecnici Quadrifoglio, hanno annunciato l’estensione del servizio di porta a porta nella frazione in partenza nel mese di gennaio. Per l’assessore Cavallini si tratta di un intervento significativo. “L’introduzione e l’ampliamento del servizio di porta a porta nel territorio comunale – ha dichiarato – hanno permesso a San Casciano di piazzarsi tra i comuni toscani più virtuosi, come dimostra l’alta percentuale di raccolta differenziata raggiunta che supera l’80 per cento”.

Il risultato è legato all’estensione dei servizi mirati “porta a porta” con esposizione a sacchi per le famiglie introdotti in alcune aree del capoluogo e nelle frazioni di Cerbaia, Romola, Chiesanuova, San Pancrazio, Spedaletto, Sant’Andrea in Percussina, Decimo, Montecapri. Quanto alle utenze artigianali-industriali il porta a porta è attivo nelle località Bardella, Calzaiolo, Mercatale, Ponterotto, Cerbaia. Sull’incremento della raccolta differenziata hanno inciso anche il servizio con bidoncini di prossimità e il sistema di raccolta con cassonetti con calotta a controllo volumetrico, attivo a San Casciano e Mercatale. A questi interventi si aggiunge un utilizzo maggiore del Centro di Raccolta di Canciulle dove gli utenti possono consegnare tutti quei rifiuti, compresi quelli ingombranti, che non sono destinati alla raccolta stradale. Nelle prossime settimane i tecnici Quadrifoglio illustreranno ai residenti della frazione di Bargino, casa per casa, le nuove modalità di conferimento.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.