Tares, in arrivo alle imprese
i bollettini per il pagamento Confartigianato: prima scadenza il 31 maggio, nonostante le richieste di proroga

0
667

Incubo Tares per le imprese. “Stanno arrivando in questi giorni alle imprese fiorentine i bollettini per il pagamento del tributo che da quest’anno sostituisce la vecchia tassa sulla nettezza urbana, ingrassandola con altre addizionali. Nonostante le richieste di proroga, e addirittura di slittamento al 2014, il tributo – avverte Confartigianato Firenze – si sta presentando invece con puntualità, seppur circondato da una alone di mistero e di mancata trasparenza. Nei documenti recapitati con il bollettino, solo una cifra (l’acconto) ed il logo del nuovo tributo. Niente che spieghi cosa la Tares sia, cosa essa inglobi rispetto alla Tia (ovvero i servizi municipali cosiddetti indivisibili, quali illuminazione, manutenzione delle strade e sicurezza); perché li inglobi; che sono previste addizionali (30 centesimi/mq riservati allo Stato); come sia composta la tariffa e di quanto, anche approssimativamente, crescerà rispetto al 2012; se (come in passato) siano previste riduzioni tariffarie per le imprese che smaltiscono rifiuti speciali (la quasi totalità delle imprese artigiane di produzione). Neppure le date di tutte le scadenza sono riportate. Confartigianato però, deliberazione n° 2013/C/00019 alla mano (quella che regola la materia, peraltro approvata dal consiglio comunale, senza alcun voto contrario, lo scorso 22 aprile), informa che le scadenze sono al 31 maggio e al 30 settembre per l’acconto e al 31 dicembre per il saldo. L’acconto, informa (dietro richiesta) Quadrifoglio, è pari ai 2/3 dell’importo Tia dello scorso anno. Peccato però che, in barba alle sentenze sull’illegittimità dell’Iva sulla Tia, il calcolo sia stato eseguito sul totale 2012 Iva compresa”.

“Insomma, le condizioni ideali per ostacolare il fare impresa – commenta Daniela Checchi – direttore di Confartigianato Firenze – Certo, la Tares non è (al momento) la peggiore delle gabelle, ma è emblematica del modo con cui il pubblico guarda all’impresa privata, del difficile contesto che riesce a costruirgli intorno. Tralasciando pure il sacrosanto diritto dell’imprenditore ad elaborare strategie d’impresa di ampio respiro, senza certezze come quella dell’entità di un’imposta (che è possibilissimo definire a priori, visto che di mq si tratta) diventa faticosa, difficile, problematica anche la gestione del day by day”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.