Campeggi “strangolati da tasse e utenze”

0
525

“Il turismo dovrebbe essere volano dell’economia in Toscana? Nella realtà le imprese turistiche sono usate come Bancomat dalle amministrazioni locali e i costi delle utenze e della tassazione prosciugano le risorse necessarie agli investimenti e alle assunzioni”. Non usa mezzi toni il presidente regionale di Faita Federcamping Toscana, Giampiero Poggiali, nel condannare l’eccessiva pressione fiscale sulle imprese del turismo all’aria aperta presentando il report sulla Dinamica dei costi delle Utenze e dei servizi nei campeggi  della Toscana tra il 2005 e il 2013. Secondo Poggiali “dal 2005 al 2013 abbiamo subito aumenti medi annui molto sensibili, dell’8% per l’acqua e del 9% per l’energia elettrica, che significa oltre 4 volte il tasso di inflazione medio annuo. Insomma per un campeggio in soli 8 anni acqua ed energia sono aumentate rispettivamente del 64% e del 72%”. “Le cose non vanno meglio per rifiuti e servizi: gli aumenti in 8 anni sono pari all’82% e 95%, si sfiora il raddoppio! Quel che è grave è che il settore produttivo viene eccessivamente penalizzato rispetto all’utenza domestica. E’ assurdo pensare che un nucleo familiare in vacanza possa produrre una quantità di rifiuti maggiore rispetto a quella ordinariamente prodotta tra le mura domestiche. E per altro  i costi di raccolta dei rifiuti prodotti dalle grandi comunità, con un unico prelievo per centinaia di persone, sono decisamente inferiori ai costi di raccolta della medesima quantità di rifiuti prodotti dalle varie, singole utenze domestiche distribuite su un territorio comunale”. Poggiali chiede in sintesi “un trattamento fiscale più equo”, che “permetterebbe probabilmente alle imprese, già fortemente provate dal perdurare della crisi interna e internazionale, di ricominciare a investire e assumere”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.