Il 52% dei fiorentini taglia le spese per le cure

0
494

La crisi economica continua a farsi sentire nei portafogli delle famiglie fiorentine e a farne le spese sono anche le cure per la salute: i cittadini del capoluogo toscano infatti, di fronte ai costi che devono sostenere per determinate prestazioni, sembrano sempre più propensi a rinunciarvi, in attesa di tempi migliori. Il 52% dei fiorentini ha dichiarato di aver rinunciato o essere pronto a rinunciare a diverse prestazioni mediche, dal dietologo al dentista fino ad arrivare ad allergologo e fisiatra a causa dei costi. E’ quanto emerge dall’ultima ricerca condotta dall’Osservatorio Sanità di UniSalute, compagnia del Gruppo Unipol specializzata in assicurazione e assistenza sanitaria.

In particolare confermano questo fenomeno le cure odontoiatriche che, dopo quelle farmaceutiche, sono la principale fonte di spesa in servizi sanitari (12 miliardi di euro la spesa annua per cure odontoiatriche secondo il Censis). Si tratta infatti di una voce di spesa che non viene coperta dai Lea (Livelli Essenziali di Assistenza), se non per una ridottissima fetta della popolazione. Non stupisce dunque scoprire, dall’ultima ricerca UniSalute, che il 12% dei fiorentini è pronto a rinunciare al dentista a causa dei costi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.