A Firenze acqua più cara e il 38% di perdite

0
679

Il nuovo numero di “Città invisibile”, rivista online edita da perUnaltracittà, fa l’analisi del bilancio di Publiacqua. Secondo la rivista, “a fronte della bolletta più cara d’Italia – chi abita a Firenze paga quattro volte in più rispetto a chi vive a Milano: 301 euro contro 82 per 120 metri cubi l’anno – ben il 22% di ciò che paghiamo viene destinato ad utili per i soci pubblici e privati di Publiacqua”. Non solo, secondo “Città invisibile” dall’analisi “si evince che Publiacqua al 2014 ha realizzato 69 milioni di investimenti in meno di quanto previsto dal Piano d’ambito e da quello tariffario. I ricavi derivanti dalle tariffe in bolletta si impennano del 92%, il margine operativo lordo cresce del 521% e aumentano gli utili mentre diminuiscono gli investimenti: -16%”. Per altro Publiacqua gestirebbe “una rete colabrodo con perdite di acqua pari al 38% dell’acqua distribuita e un sistema fognario e di depurazione inadeguato alle normative vigenti per cui siamo sotto infrazione della Comunità Europea. Inutile ricordare che ben 225 chilometri della rete sono costituiti da pericolosi tubi in amianto”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.