Pitti e Boboli fanno il pieno di turisti

0
9

Boom di visite per Palazzo Pitti e Giardino di Boboli nella giornata a ingresso gratuito di lunedì, in occasione della ricorrenza dell’incoronazione agranduca di Cosimo I avvenuta il 27 agosto del 1569. Sono state poco meno 17.588 le presenze. Oltre 10mila (10.450) le persone che hanno scelto di visitare il Giardino di Boboli – tanti anche gli ingressi da Annalena e Porta Romana – e circa 7mila (7.138) i biglietti staccati, invece, per visitare i musei di Palazzo Pitti. Dopo i record di presenze che hanno caratterizzato il lungo ponte di Ferragosto, le Gallerie degli Uffizi continuano a registrare incrementi costanti di visitatori. Dati che non fanno altro che confermare il trend positivo di tutto il 2019 con un +5,3% complessivo di visitatori (fino al 31 luglio), che nei vari siti si articola così: +3,7% agli Uffizi, +8,8% a Palazzo Pitti e + 6,0% al Giardino di Boboli.

“È un buon segnale – commenta il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt –perché i numeri confermano che Palazzo Pitti e il giardino di Boboli sono sempre più frequentati. La politica di decentramento verso questi spazi per riequilibrare i flussi nel complesso degli Uffizi funziona e continua a dare risultati significativi. Considerando anche il giorno infrasettimanale, possiamo dire che i picchi registrati equivalgono a quelli di una domenica gratuita, e hanno portato migliaia di persone in questa zona di Firenze: un vantaggio non indifferente anche per le botteghe dell’oltrarno”.