Teatro Studio, su il sipario sulla nuova stagione

0
324

A teatro con il tram. Il Teatro Studio di Scandicci punta sempre più ad assumere dimensione metropolitana e lo fa con una nuova gestione che sancisce l’ingresso della Fondazione Teatro della Toscana. Il teatro manterrà comunque la propria peculiarità, proponendosi come spazio di riflessione sulla contemporaneità e sulla formazione con il Centro di sviluppo dell’espressione e della creatività. La nuova stagione, presentata alla presenza del sindaco Fallani, sarà aperta dalla prima nazionale del live-racconto di Gianni Maroccolo, “Nulla è andato perso”, con la regia visiva di Giancarlo Cauteruccio. Diversi i lavori in un programma che arriverà fino all’estate. Spiccano tra gli altri la “Medea” firmata da Gabriele Lavia e il trittico in omaggio a Beckett dei Krypton, ma punteremmo anche su “Le nostre donne” di Eric Assous, un testo brillante per una commedia di sicuro divertimento. Tornando all’inizio, il tram è un elemento prezioso per il teatro, che cerca ovviamente di attrarre spettatori dalla vicina Firenze.