Bargello, riallestita la Sala di Michelangelo

0
941

Al Museo Nazionale del Bargello giungono insieme a compimento alcuni progetti importanti: il riallestimento di due delle sale più celebri e più visitate (la Sala di Michelangelo, al pianterreno, e la Sala dell’Armeria, al secondo piano) e la presentazione di due pubblicazioni destinate ai visitatori, che testimoniano una parte dell’attività del Museo negli ultimi anni: la prima Guida ufficiale e completa del Bargello e il catalogo degli Acquisti e donazioni 2003-2013. Dalla sua inaugurazione nel 1975, la Sala di Michelangelo ha subito molte modifiche che avevano compromesso la coerenza e anche la fruibilità delle opere rispetto all’allestimento realizzato allora sotto la direzione di Luciano Berti, su un progetto originale di Carlo Cresti: sia per l’inserimento di nuove opere, anche di grandi dimensioni (come il basamento originale del Perseo celliniano, il Bacco bronzeo del Giambologna, o la Fiesole del Tribolo), sia per la “sottrazione” di altre, trasferite altrove in museo (come la grande tavola dell’Allori con allegorie medicee, esposta dal 1982 nella sala Carrand). Negli ultimi tre anni, in seguito alla mostra dedicata a Ammannati, si è cominciato a mettere in atto una nuova sistemazione dell’intera sala, che restituisse coerenza al percorso dei visitatori e garantisse alle opere esposte un’adeguata spazialità. Anche grazie al contributo dell’Associazione “Amici del Bargello”, trova ora compimento il nuovo progetto complessivo, affidato allo Studio Guicciardini e Magni e a Maria Cristina Valenti, che ne ha diretto tutte le fasi di realizzazione, riuscendo ad evitare la chiusura al pubblico della sala durante i lavori.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.