Casa della Carità pronta in un anno

0
478

Comincia a prendere forma a Novoli, in via Corelli, la “Casa della Carità”, progetto nato per venire incontro alla carenza di servizi e di housing sociale in una delle zone più popolose della città. A fare visita al cantiere l’arcivescovo di Firenze, card. Giuseppe Betori e il presidente dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Umberto Tombari. Il condominio solidale, affidato alla Caritas diocesana, potrà ospitare anziani soli e autosufficienti e sarà destinato a servizi per persone svantaggiate e in disagio sociale del quartiere e per attività socio-assistenziali. Il progetto è sostenuto dalla Conferenza Episcopale Italiana con 2,5 milioni di euro, dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze con altrettanti 2,5 milioni di euro, e dall’Arcidiocesi di Firenze con 1,5 milioni di euro. Il piano di recupero generale prevede essenzialmente due operazioni: la demolizione dell’edificio su via Corelli e la ristrutturazione della parte interna del complesso. Si tratta di un’area del quartiere che grazie al progetto viene completamente risanata. La prossima settimana sarà demolito il vecchio manufatto per la costruzione del nuovo edificio e saranno realizzati i collegamenti fognari. Qui nasceranno il condominio solidale con 16 appartamenti e l’area per l’infanzia, che potrà essere un asilo o un doposcuola. Questa prima struttura sarà pronta presumibilmente fra un anno. Nella parte interna, che sarà invece ristrutturata, saranno realizzati un centro diurno per anziani, un centro di accoglienza per emergenze abitative e gli spazi che ospiteranno una comunità di religiose a cui verrà affidata la cura e il coordinamento dei servizi previsti.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.