Il rischio del viaggio: terrorismo e travel security

0
770

Viaggiare è un piacere, ma può diventare un incubo. Il rischio in cui un viaggiatore può incappare è vario oggi per quanto riguarda l’esposizione a reati di ogni genere e aumenta se non si adottano alcune regole volte a garantire la prevenzione. E’ di travel security che si è parlato al St. Regis, nella riunione del Rotary Michelangelo con il colonnello dei carabinieri, ora nella riserva, Carlo Corbinelli. Il rischio che un turista corre è per il 99,5% quello legato a borseggi, furti di bagagli e truffe; per lo 0,49% rapine e aggressioni; per il solo 0,01% quello di attacchi terroristici, che però è ovviamente il pericolo più macroscopico. Fondamentale per questo ultimo caso è ad esempio permanere il meno possibile in quelle situazioni e quei luoghi dove l’esposizione è maggiore, a cominciare dalle aree comuni di stazioni e aeroporti, oppure i cosiddetti luoghi simbolo in specifiche circostanze. <<Si dice che siamo in guerra – ha detto Corbinelli – ma noi stiamo adottando ancora strategie inadatte a una situazione del genere; dobbiamo migliorare i controlli e allo stesso tempo velocizzarli per evitare di creare nuove situazioni di assembramento>>. Difficile parlare di luoghi più o meno a rischio, ma essenziale è documentarsi sulla realtà dei paesi in cui ci si appresta ad andare e in certi casi evitare il classico fai da te. Non rinunciare ai viaggi insomma, ma organizzarli con attenzione. Simili pericoli d’altronde si possono correre anche nelle nostre città.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.