Bagno a Ripoli, insieme contro la violenza

0
101

Una giornata e tante iniziative contro la violenza sulle donne, e non solo quella fisica, che a volte è solo il culmine di un percorso tragico. La Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, a Bagno a Ripoli, si svolgerà nel ricordo di Giulia Cecchettin e nel nome delle altre 105 vittime di femminicidio che hanno perso la vita da inizio anno in Italia. Flash mob nelle scuole, balli per le donne, canti contro la violenza, una scultura per creare un nuovo luogo di lotta e memoria. Tante le iniziative di sensibilizzazione in programma in occasione del 25 novembre, promosse e organizzate dalle scuole, dall’amministrazione comunale, dalle associazioni, dai circoli e dai commercianti.

Si comincia giovedì 23 novembre con il concerto “per e con” le donne del coro femminile del Teatro del Maggio Musicale. Alla Pieve di San Pietro a Ripoli alle 21 le cantanti del Maggio si esibiranno dirette dal maestro Lorenzo Fratini, con l’accompagnamento al pianoforte e all’organo di Leonardo Andreotti. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Venerdì 24 novembre negli istituti “Caponnetto” e “Mattei”, al suono dell’ultima campanella, alunne e alunni, insieme a insegnanti, genitori e tutti coloro che vorranno unirsi, si ritroveranno all’uscita di scuola per manifestare contro la violenza sulle donne (ore 14 per le medie Redi e Granacci, ore 16.30 per le primarie, ore 15.30 per l’infanzia del Mattei e ore 16 per l’infanzia del Caponnetto). Tutti i maschi, grandi e piccoli, sono invitati ad indossare un indumento o un accessorio di colore rosso. Tutti i presenti sono invitati a dare il proprio contributo di partecipazione con “rumore, parole, musica, immagini, con il colore rosso ed infine con tanti abbracci fra piccoli e grandi, maschi e femmine”. L’iniziativa è promossa da un gruppo di genitori, insegnanti, studenti, associazioni. Tutti i cittadini sono invitati a partecipare. Saranno presenti anche il sindaco e la giunta comunale. 

Venerdì 24 novembre alle ore 21 il Teatro comunale di Antella porta in scena lo spettacolo contro il femminicidio “Lo stronzo”, scritto, diretto e interpretato da Andrea Lupo.

Venerdì 25 novembre, doppio flash mob all’Isis Gobetti-Volta di Bagno a Ripoli (via Roma 77/a). Il primo, alle ore 10, organizzato dagli studenti, vedrà 7 ragazze delle classi V leggere una serie di poesie e pensieri contro la violenza sulle donne, vestite interamente di nero come in segno di lutto. 

Alle 11.30, la scuola ospiterà il flash mob aperto a tutta la cittadinanza organizzato dal Comune, dalla Commissione Pace e diritti con il supporto della Rete Ready, dalla scuola di danza “The Dreamers Academy” e lo SPI Cgil Bagno a Ripoli. Le ballerine e i ballerini dei “The Dreamers” leggeranno alcuni articoli di giornale con la cronaca più recente in materia di violenza contro le donne, prima di trasformare le parole in passi di danza contro il femminicidio. 

Casa del popolo di Grassina, Coro sociale di Grassina e Svegliamoci Bambine, insieme ad Auser Bagno a Ripoli, organizzano per sabato 25 novembre alle ore 18 nella sala teatro della Cdp (via Bikila, Grassina) un momento di partecipazione collettiva all’insegna della musica. Chiunque voglia può unirsi per cantare insieme brani pop e di musica popolare dedicati alle donne e contro la violenza. Per partecipare è necessario portare solo la propria. Con la direzione del Maestro Francesco Romano del Coro sociale. Info: 055642639.

Si apre all’insegna della lotta contro la violenza di genere la nuova stagione del Teatro storico di Osteria Nuova, ospitato all’interno del Circolo. Sabato 25 novembre alle ore 21 e domenica 26 novembre alle ore 17, la compagnia teatrale “Viaggiatori fermi” porterà in scena “V x Violenza”. Diretto da Ilaria Favini e tratto da un testo di Giovanna Querci Favini, lo spettacolo sarà ispirato alle storie vere delle vittime di violenza. Prenotazioni: 333-1051498. 

In occasione del 25 novembre il palazzo comunale in piazza della Vittoria, piazza Umberto I a Grassina e piazza Peruzzi all’Antella saranno illuminati di rosso in segno di condanna di ogni forma di violenza contro le donne. 

Il Comune di Bagno a Ripoli, inoltre, ha deciso di realizzare un nuovo luogo di memoria e di lotta alla violenza di genere, donando all’Isis Gobetti-Volta una scultura realizzata dalla Fonderia del Giudice, raffigurante una giovane donna seduta su una panchina rossa, con accanto un mazzo di fiori, collocato al posto – lasciato vuoto – di una donna vittima di violenza.