Sant’Orsola, resta in gara solo Bocelli

0
844

Riuscirà Sant’Orsola a risvegliarsi nel sonno comatoso in cui è precipitata ormai da anni? Dopo una serie di bandi senza un vincitore, sono stati aperti i plichi con la documentazione e l’offerta tecnica per la valorizzazione del complesso dell’ex convento relativi all’ultima proposta di valorizzazione. Sono giunti alla Città metropolitana due plichi, l’uno presentato da Sielna srl di Siena e l’altro dal costituendo Rti composto da: mandataria (Property Finance e Partners spa di Firenze) e mandanti (Almud Edizioni Musicale srl di Cascina, Sire spa di Firenze, Giulio Tanini spa di Firenze, Gervasi Spa di Firenze, Procogen srl di Impruneta, Gefat srl di Poggibonsi, Tanzini Quintilio e Figlio sas di Poggibonsi, Sant’Ilario srl di Poggibonsi, Bch srl di Firenze). Tra l’altro la Almud sarebbe di proprietà del cantante lirico Andrea Bocelli, che a quanto si dice vorrebbe creare a Sant’Orsola una sorta di accademia.
La documentazione presentata da Sielna srl è risultata incompleta di parti di documenti richiesti e dunque non è stata ammessa. La documentazione contenuta nell’altro plico richiede invece integrazioni alle referenze bancarie presentate e pertanto l’ammissibilità dell’offerta è vincolata all’invio, entro il 27 settembre, delle integrazioni richieste. In attesa della verifica di ammissibilità, avverte Benedetta Albanese, consigliera delegata al Patrimonio, e dunque dell’apertura della busta con l’offerta tecnica, che non si è potuta effettuare, i plichi sono stati nuovamente sigillati. Se la domanda sarà ammessa, la relativa documentazione con l’offerta tecnica, sarà valutata in seduta riservata dall’apposita Commissione.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.