Formula Chianti, olio e motori

0
634

Barberino e Tavarnelle si preparano ad apparecchiare la tavola del buon gusto e non solo. Un omaggio all’essenza dello slow food siglato Chianti, alla tipicità e all’alta qualità dei prodotti locali, a chilometro zero che ripropone un antico e moderno connubio tra olio extravergine d’oliva, re dei sapori d’Autunno, e la passione inarrestabile per il rally. I Comuni di Barberino Val d’Elsa e Tavarnelle Val di Pesa sono alle ultime battute nella definizione del contenitore cultural-gastronomico “Formula Chianti”, in scena il 5 e 6 dicembre. Il ricco programma confezionato dai Comuni, che tra gli eventi e le iniziative comprende anche il Rally della Fettunta e la sua lunga tradizione in corsa dal ’77, si propone come una grande fiera delle qualità chiantigiane ispirate all’olio e ai prodotti tipici locali. Decine le aziende agricole del Chianti, provenienti da Barberino, Tavarnelle, Greve e San Casciano, che quest’anno aderiranno alla manifestazione ad attestare che l’oro verde c’è ed è di grande qualità. Un motivo in più per riscoprire il know-how della produzione d’eccellenza chiantigiana è dato dai contenuti della kermesse agroalimentare, giunta alla sua seconda edizione. A dare un’anteprima sono i consiglieri comunali di Tavarnelle e Barberino Tatiana Pistolesi, Francesco Tomei e Nicola Bandinelli che stanno lavorando in forma congiunta all’organizzazione degli eventi. “Considerata la diffusa genuinità che caratterizza le nostre produzioni – commentano –   l’olio la farà da padrone e noi siamo ben felici di accoglierlo tra gli stand degli espositori che riempiranno via Roma a Tavarnelle e le vie del borgo di Barberino come prodotto in cui si identifica il nostro territorio”. Nella formula del contatto diretto con il produttore, si potranno degustare e acquistare olio, vino, formaggi, miele, marmellate, prodotti tipici e persino cosmetici a base di olio extravergine d’oliva. “Il nostro obiettivo – prosegue Tatiana Pistolesi – è mettere in piazza la genuinità agroalimentare chiantigiana, l’alta qualità delle produzioni delle piccole e medie imprese, la filiera a km zero, sostenere e valorizzare le tipicità gastronomiche del Chianti attraverso un percorso di coinvolgimento e contatto diretto tra produttore e consumatore”. Anche i ristoranti e i commercianti quest’anno parleranno lo stesso linguaggio ispirato alle riconosciute qualità dell’olio. “Nei giorni della kermesse – aggiunge Tatiana Pistolesi – i ristoratori proporranno un menù speciale e le attività commerciali esporranno davanti ai negozi prodotti e merci evocativi dei sapori del Chianti”.  La fettunta avrà poi un palcoscenico d’eccezione. “Stiamo organizzando – svela Nicola Bandinelli – un banco che coniuga agricoltura e solidarietà, l’antica tradizione del pane condito con l’olio fornito dai panettieri e dalle aziende agricole del territorio sarà venduto dalle associazioni di Barberino e Tavarnelle per sostenere il popolo Saharawi”. I preparativi fervono anche per il Rally Day di cui sono aperte le iscrizioni. L’iniziativa, organizzata da Valdelsa Corse, si svolgerà lungo alcuni dei percorsi più suggestivi del Chianti.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.