I turisti restano a casa. Sotto accusa le previsioni del tempo Piogge annunciate e mai arrivate nel week end. Cursano (Fipe): ”Se il meteo fa più danni del maltempo”

0
478

Un fine settimana di gite fuori porta, di shopping e turisti affamati. Tutto perduto solo per la paura della pioggia annunciata, e poi non arrivata. C’è di che arrabbiarsi, specie se si tratta di un momento di crisi economica come quello attuale, in cui ti aggrapperesti alle “funi del cielo” – come si dice anche qui in Toscana – pur di guadagnare qualche soldo E c’è chi si è proprio arrabbiato, come gli operatori turistici toscani, che se la prendono con le previsioni meteo, le quali a loro dire avrebbero fatto stavolta “più danni del maltempo. “Soprattutto in questi tempi di crisi i turisti tendono a rinviare le decisioni all’ultimo momento, per massimizzare i benefici della vacanza sia in termini di costi, sia per approfittare delle più favorevoli condizioni meteorologiche. In un momento in cui il mercato interno è già molto debole, se le previsioni sono clamorosamente sbagliate, come è avvenuto in questo ultimo fine settimana, gli italiani hanno scelto di rimanere a casa. Per fortuna il turismo internazionale regge e non è legato agli eventi metereologici o climatici – commenta Aldo Cursano, presidente regionale Fipe – ma la scelta delle città d’arte o delle destinazioni balneari è dipendente per il 60% dal mercato interno. E per questo fine settimana di previsioni negative il 30% dei potenziali visitatori ha rinviato la gita. Ne ha risentito pesantemente l’economia delle città, a partire dai bar e dai ristoranti, per arrivare ai taxi fermi nei parcheggi e alle camere ancora libere in molti alberghi. In rapporto al fatturato di un simile week end dello scorso anno emergono differenze che vanno dal 30 al 50% di minor incasso”.

“Nessuno – conclude Cursano – mette in discussione la buonafede di chi si occupa di meteo, ma serve un supplemento di responsabilità nella diffusione di informazioni che possono avere effetti così pesanti sulle attività produttive delle nostre città, in particolar modo in un periodo di crisi che mette a rischio tante delle nostre imprese”.

Fare le previsioni diventa però così assai più difficile, perché bisogna guardare con un occhio al cielo e con l’altro alle ragioni del portafogli. (Maurizio Abbati)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.