La Toscana e il tesoretto del turista Tassa di soggiorno applicata da 97 Comuni, mentre 10 hanno varato anche quella di sbarco

0
444

Il tesoretto del turista arride alla Toscana, a cui va il terzo posto nazionale come numero di enti che hanno deciso per l’applicazione della tassa di scopo, preceduta solo dal Trentino Alto Adige e dal Piemonte, ma il secondo in quanto ad incassi. Secondo alcuni dati elaborati e pubblicati dal Sole 24 Ore, sarebbero 97 i Comuni toscani che già applicano la tassa di soggiorno sulla presenza dei turisti nelle strutture alberghiere. Niente male, anche se in Trentino si arriva a quota 116 e in Piemonte a 102, ma qui la Toscana può giocarsi anche i 10 Comuni che applicano l’imposta di sbarco, che può essere a buon diritto considerata una tassa di scopo. Quando però si parla di valore degli incassi stimati per il 2015, la Toscana stacca quasi tutte le altre regioni, con il 15,02% sul totale nazionale, e si fa precedere dal solo Lazio, che arriva al 19,87%. E c’è un’altra sorpresa che porta la Toscana ancora più in alto nella graduatoria delle imposizioni sul turista, cioè il ticket sui bus turistici. Sono infatti ben 9 i Comuni toscani che li hanno introdotti, contro i 4 di regioni come Campania, Veneto, Umbria, Sicilia.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.