Menopausa e qualità di vita

0
430

Una menopausa meno medicalizzata, in cui la donna viene considerata nella sua integrità e posta al centro di un sistema multidisciplinare che prende in considerazione tutti gli aspetti dell’invecchiamento, con la consapevolezza che con l’allungarsi dell’aspettativa di vita bisogna necessariamente migliorarne anche la qualità. E’ questa la nuova considerazione della menopausa che si è affermata negli ultimi anni.

Si è svolta la prima giornata del XII Congresso Nazionale della Società Italiana di Ginecologia Terza Età Sigite 2016, ospitato fino a domenica 7 febbraio prossimo all’Hotel Baglioni di piazza dell’Unità.

Sottolineato in modo particolare il ruolo fondamentale della prevenzione, che sta producendo risultati importanti grazie al diffondersi degli screening oncologici, ma anche grazie a una maggiore attenzione agli stili di vita. Da non dimenticare infatti che in menopausa il fattore di rischio più grande resta quello cardiovascolare. E proprio di questo si è parlato con l’apporto del gruppo di studio malattie cardiovascolari di genere della Società Italiana di Cardiologia, che ha affrontato il tema dell’ipertensione arteriosa, ma anche quello della prevenzione e dell’importanza dell’esercizio fisico.

Domani sono in programma sessioni dedicate al sistema nervoso centrale, al management delle problematiche peri-postmenopausali, alla vitamina D, a osteoporosi e comorbidità e alla donna immigrata. I lavori inizieranno alle ore 8.30.