Piano per l’Oltrarno. Piazza del Carmine pedonale per Natale Nuovi marciapiedi, parcheggio interrato in piazza Tasso, accordo con Google e Amazon per gli artigiani

0
523

“Un quartiere che finora non è stato né carne né pesce, ma che a tutti gli effetti fa parte del centro e deve recuperare la sua identità”. Il sindaco Nardella vara il piano Oltrarno. Un piano che prevede pedonalizzazioni, rifacimento strade, manutenzione del verde e variazioni significative al piano della sosta, con l’introduzione della ztl  di tipo A, che diventerà h24 da aprile a ottobre. Ma partiamo con ordine. Tutto ruota attorno alla decisione di pedonalizzare piazza del Carmine, dove spariranno i 200 posti auto esistenti e ne resteranno solo 65 ai lati. Una pedonalizzazione che comunque non sarà integrale, perché al fianco dei posti auto una corsia permetterà il passaggio dei veicoli dei residenti e degli autorizzati. Pedonalizzazione che scatterà simbolicamente il 12 gennaio, anniversario della morte di Vasco Pratolini, autore indimenticato delle “Ragazze di San Frediano”, ma vivrà un momento di anticipo per Natale e per San Silvestro, quando la piazza ospiterà uno dei concerti di Capodanno programmati dal Comune. Trovata anche una soluzione per recuperare i posti auto destinati a scomparire. I residenti avranno infatti a disposizione 82 stalli al Cestello, 10 all’ex gasometro, 92 in piazza dei Nerli con lo spostamento del mercato e 70 dei 140 che nasceranno con l’avvento del parcheggio interrato di piazza Tasso (lato viale Petrarca e non sotto il giardino). Per i non residenti, individuate invece due aree come quella di via della Fonderia, 170 posti, e dell’ex gasometro, con un silos da 100 posti, da da far realizzare ad investitori privati. Ma non è tutto qui. Si va infatti dal rifacimento previsto dell’asfalto di via Serragli e via Romana al recupero di 5 chilometri di marciapiedi, per non parlare di un progetto per l’illuminazione e del recupero del verde urbano, dal giardino dell’Iris all’area Nidiaci e al nuovo giardino intitolato a Mario Luzi. Al centro dell’attenzione anche la sorte delle botteghe artigiane, che dovrebbero rilanciarsi attraverso un accordo con Google, per la mappatura, e Amazon per la promozione on line dei prodotti. Infine un’altra pedonalizzazione, quella del piazzale Michelangelo, biglietto da visita della città che però deve rifarsi il look, che scatterà a fine 2015. Di tutto questo l’Oltrarno che dice? Tira avanti, come sempre, e spera che sia la volta buona che qualcuno si prenda a cuore il suo futuro. (Ma.Ab.)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.