Duecentomila toscani senza medico di famiglia

0
152

In Toscana secondo lo Spi Cgil circa 200mila persone non hanno il medico di famiglia. La carenza dei medici di famiglia nelle aree interne è stata al centro della Festa di LiberEtà promossa dallo Spi Cgil Toscana.

 “In Toscana l’anno scorso secondo i dati della Fondazione Gimbe mancavano 143 medici, un dato che sta continuando a peggiorare, lasciando scoperte nella Toscana Sud Est molte persone: nell’Amiata senese e grossetana, nelle Colline metallifere e nelle zone interne dell’aretino, ma anche in città più grandi – ha detto la segretaria generale dello Spi Cgil di Siena Daniela Cappelli -. Le proiezioni ci dicono che è previsto nei prossimi anni un ulteriore calo di 250 medici. Le cause sono da ricercare in errori di programmazione per garantire il ricambio generazionale e in particolare la mancata sincronia per bilanciare i pensionamenti attesi, oltre che in una convenzione nazionale che consente ai medici di decidere anche di non coprire alcune zone che considerano più disagiate. La soluzione può stare nel recuperare i difetti di programmazione, nell’attuazione di modelli organizzativi che valorizzino il lavoro in team, nell’implementazione dell’assistenza territoriale, ma in ultima analisi noi lanciamo la proposta di assumere i nuovi medici come dipendenti del Servizio sanitario nazionale, magari utilizzando risorse che non vengono spese laddove le zone sono carenti perché i medici non ci sono”.

“In Toscana circa 200mila cittadini non hanno il medico di medicina generale, c’è una carenza ormai strutturale sia nel Paese sia in Toscana – ha spiegato Pasquale D’Onofrio, Segretario Spi Cgil Medici e Dirigenza SSN Toscana -. Secondo il rapporto Agenas, dal 2019 al 2021 c’è stata una riduzione di oltre 2mila unità in Italia. In Toscana nel 2022 erano 2653 i medici di medicina generale di cui circa 1900, il 73%, supera i 27 anni di attività. Si stima che nei prossimi 4-5 anni ci sarà la fuoriuscita di circa il 25% dei medici di base che non saranno compensati da nuovi ingressi in quanto le borse di studio restano vacanti da parte dei giovani medici”.

“I pensionamenti dei medici di medicina generale che arrivano tutti insieme generano preoccupazione e incertezza soprattutto nella popolazione più anziana – ha replicato l’assessore regionale al Diritto alla Salute e Sanità della Regione Toscana Simone Bezzini -. Stiamo adottando delle misure, sfruttando gli spazi che la normativa consente: l’innalzamento a 1800 del massimale di assistiti su base volontaria per ciascun medico di base; il fatto che i tirocinanti possano assistere fino a 1000 persone, un utilizzo più ottimale di risorse che potrebbe derivare dalla riforma della continuità assistenziale. Stiamo lavorando a un progetto specifico, mirato sulle aree disagiate, per incentivare la presenza di medici di base nei contesti territoriali più periferici”.